Servizio Idrico

Informazioni per utenti, comuni e gestori dal Servizio Idrico Integrato

Il servizio idrico integrato (S.I.I.) è costituito dall'insieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue, e deve essere gestito secondo principi di efficienza, efficacia ed economicità, nel rispetto delle norme nazionali e comunitarie (art. 141, comma 2, d.lgs. n. 152/2006, c.d. TUA).

Il gestore di tale servizio deve curare la gestione, nel proprio territorio di competenza, di:

  • acquedotto: captazione, adduzione e distribuzione delle risorse idriche per utenze domestiche; utenze pubbliche (ospedali, caserme, scuole, stazioni ecc); utenze commerciali (negozi, alberghi, ristoranti, uffici ecc); utenze agricole; utenze industriali (quando queste non utilizzino impianti dedicati);
  • fognatura: raccolta e convogliamento delle acque reflue nella pubblica fognatura;
  • depurazione: trattamento mediante impianti di depurazione delle acque reflue scaricate nella pubblica fognatura.

Il concetto di S.I.I. fu introdotto a livello nazionale con la L. 36/94 (la cosiddetta Legge Galli) al fine di ridurre la frammentazione gestionale e per la prima volta regolamentato in Emilia Romagna con la L.R. 25 del 1999 ormai sostituita da successive normative.

Dall’approvazione della legge regionale n. 25 del 1999 e fino al 31 dicembre 2011 il sistema di regolazione e di organizzazione territoriale del servizio idrico integrato e del servizio di gestione integrata dei rifiuti in Emilia-Romagna si è basato principalmente sull'azione affidata a livello provinciale alle nove Agenzie d'Ambito Territoriale Ottimale, speciali forme di cooperazione tra Enti locali. Ogni Agenzia ha operato sulla base di una convenzione stipulata tra tutti i Comuni di ciascuna provincia e l'ente Provincia.

Con l'art.2, comma 186 bis, della legge n. 191 del 2009, le Autorità d'Ambito previste dal decreto legislativo n. 152 del 2006 sono state soppresse ed è stato affidato alle Regioni il compito di riattribuire con legge le funzioni da esse esercitate “nel rispetto dei principi di sussidiarietà, differenziazione ed adeguatezza".

Con la L.R. 23/2011 la Regione Emilia-Romagna ha individuato un unico Ambito territoriale ottimale comprendente l'intero territorio regionale (ed eventualmente in casi particolari anche Comuni esterni limitrofi al confine regionale), riattribuendo le funzioni delle Agenzie provinciali ad un nuovo organismo pubblico dotato di autonomia amministrativa, contabile e tecnica, l'Agenzia Territoriale Emilia-Romagna Servizi Idrici e Rifiuti (ATERSIR).

 

 

 

 
 
 

Notizie

18/11/2019
Avviso per la raccolta di manifestazione di interesse per l’acquisizione di candidature finalizzate all’individuazione dei componenti delle...
08/11/2019
In data 08/11/2019 sono state aggiornate le risposte ai quesiti sottoposti all'Agenzia in merito alla gara in oggetto, pubblicata la determinazione...
21/10/2019
Manifestazione di interesse finalizzato all’individuazione di operatori economici interessati a una successiva procedura di acquisto tramite R.D.O....
15/10/2019
Servizio di supporto tecnico all’Agenzia relativamente alle attività finalizzate alla validazione dei dati consuntivi 2017-2018-2019, al calcolo dei...
15/10/2019
Servizio di supporto tecnico all’Agenzia relativamente alle attività finalizzate alla validazione dei dati consuntivi 2017-2018-2019, al calcolo dei...

Atti e Documenti

18/11/2019
Approvazione dell’Avviso di manifestazione di interesse per l’acquisizione di candidature finalizzate all’individuazione dei componenti delle Commi
17/10/2019
Affidamento del servizio di rappresentanza legale ai sensi dell’art. 17, co. 1, lett. d), n.1 d.lgs. 50/2016 all’avv.
25/03/2015
Servizio Idrico Integrato: determinazione della quota di tariffa relativa alla componente di remunerazione del capitale investito da restituire agl