PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

                    

 

Il Piano Nazione di Ripresa e Resilienza (PNRR) è lo strumento Italiano per accedere al Next Generation EU (NGEU), il Fondo, del valore di 750 miliardi di euro conosciuto come “Recovery Found” o “Recovery Plan”, che è stato approvato dal Consiglio Europeo nel 2020 a sostegno degli Stati membri colpiti dalla pandemia causata dal virus COVID-19 (regolamento UE 2021/241).

Il PNRR costituisce un piano di investimenti, sviluppo e riforme che, suddiviso in 6 missioni organizzate in componenti e con una serie di misure, coinvolge le seguenti tematiche:

  • Missione 1: Digitalizzazione, Innovazione, Competitività, Cultura
  • Missione 2: Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica
  • Missione 3: Infrastrutture per una Mobilità Sostenibile
  • Missione 4: Istruzione e Ricerca
  • Missione 5: Inclusione e Coesione
  • Missione 6: Salute

 

ATERSIR, quale Ente di governo d’ambito operativo per la Regione Emilia-Romagna, è il soggetto che ha recepito e approvato i progetti afferenti alla Missione 2, presentati da Gestori e Comuni relativi ai bandi del PNRR, svolgendo un lavoro articolato, consistente e preciso in sinergia con gli Enti Locali e i Gestori dei servizi. Ciò ha permesso la candidatura di numerosi progetti, i quali, daranno una forte spinta all’economia circolare sul territorio e alla digitalizzazione con strumenti all’avanguardia, migliorando ulteriormente la raccolta differenziata nella nostra regione; permetteranno, inoltre, la riduzione delle perdite nelle reti di distribuzione dell’acqua, la digitalizzazione e il monitoraggio delle reti.

In particolare per il Servizio Rifiuti l’Agenzia ha approvato 324 candidature per un valore complessivo di € 518.839.827,04 di cui ritenuti ammissibili a finanziamento € 383.761.065,16. Per il Servizio Idrico sono stati presentati 43 progetti (di cui 42 ammessi) per un valore complessivo di € 286.640.207,82 di cui ritenuti ammissibili a finanziamento € 221.528.289,61.

 

La missione, per quanto riguarda il Servizio Rifiuti Urbani e il Servizio Idrico Integrato di ATERSIR, è così articolata:

Missione 2 – Rivoluzione Verde e Transizione Ecologica

    Componente 1 - Economia circolare e agricoltura sostenibile

        Investimento 1.1 - Realizzazione nuovi impianti di gestione rifiuti e ammodernamento di impianti esistenti

    Componente 4 - Tutela del territorio e della risorsa idrica

        Investimento 4.2  - Riduzione delle perdite nelle reti di distribuzione dell'acqua, compresa la digitalizzazione e il monitoraggio delle reti

        Investimento 4.4  - Investimenti fognatura e depurazione

 

PNRR IN EMILIA-ROMAGNA - Finanziamenti ottenuti

Per il Servizio Rifiuti l’investimento finanzia tre differenti Linee di Intervento: 

  • Linea A: "Miglioramento e meccanizzazione della rete di raccolta differenziata dei rifiuti urbani" 
    Per la linea di intervento A sono state presentate 297 proposte. Con decreto n.128 del 30 marzo 2023, ATERSIR è stato indicato come destinatario del finanziamento di 58 progetti proposti dai Gestori del Servizio Rifiuti o dai Comuni dell'Emilia-Romagna, per un totale di 29.635.466,87 €. In data 14/07/23 è stato pubblicato sul sito istituzionale del Ministero il decreto n 243 del 14/07/2023 di annullamento della graduatoria definitiva di cui al D.D. 30 marzo 2023, n. 128, di adozione della nuova graduatoria, nonché di concessione dei contributi adottato a valere sulla Linea d’Intervento A. In particolare, come da suddetto decreto: "a seguito di accertamenti istruttori, è emerso che per le progettualità per le quali, in fase di presentazione delle proposte, una o più voci di spesa superavano la soglia percentuale prevista dall’Allegato 2 dell’Avviso, si è reso necessario procedere ad una rideterminazione dei contributi massimi erogabili in ragione di un errato calcolo di quantificazione degli stessi." In base al nuovo decreto, ATERSIR risulta sempre destinataria del finanziamento di 58 progetti proposti dai Gestori del Servizio Rifiuti o dai Comuni dell'Emilia-Romagna, per un totale di 29.163.409,98 €. Nella tabella sottostante sono quindi riportati i nuovi importi, come da decreto n. 243 del 14/07/23. Le risorse in avanzo sono state assegnate con scorrimento della graduatoria attraverso un sorteggio, tra i progetti di pari punteggio. Il decreto n. 254 del 07 agosto 2023, inoltre, aggiorna la graduatoria pubblicata con decreto n. 243 del 14 luglio 2023: ATERSIR risulta quindi destinataria del finanziamento di 62 progetti per un totale di  32.859.915,95 €. Con Deliberazione del Consiglio d'Ambito n. 110 del 27 novembre 2023 risultano destinati al finanziamento 59 progetti  per un totale di 30.998.582,62 €.

  • Linea B: "Ammodernamento e realizzazione di nuovi impianti di trattamento"
    Per la Linea d’Intervento B sono state presentate 10 proposte, tutte risultate ammissibili ai sensi dell’Avviso e inserite nella proposta di graduatoria dalla commissione esaminatrice; con decreto n.1 del 2 gennaio 2023, ATERSIR è stato indicato come destinatario del finanziamento di 12.394.521,00 € per un progetto proposto dal Gestore del Servizio Rifiuti Urbani S.A.Ba.R. Servizi S.r.l.

Per il Servizio Idrico i finanziamenti sono così articolati:

  • Linea C: "Ammodernamento e realizzazione di nuovi impianti innovativi di trattamento/riciclaggio per lo smaltimento di PAD, fanghi di acque reflue e rifiuti di pelletteria e tessili" 

Sono state presentate 17 proposte: di queste, 10 sono risultate ammissibili ai sensi dell’Avviso e inserite nella proposta di graduatoria dalla commissione esaminatrice. Con decreto n. 23 del 20 gennaio 2023, ATERSIR è stato indicato come destinatario del finanziamento per 6 progetti per un totale di 29.702.566,17 €. Con Delibera del Consiglio d'Ambito n.87 del 27 settembre 2023 viene deliberato di rinunciare al finanziamento per il progetto denominato “Realizzazione di comparto di bioessiccamento fanghi presso l’impianto di depurazione acque reflue di Felino (PR)”; di conseguenza ATERSIR risulta destinataria del finanziamento per 5 progetti per un totale di 27.088.736,38 €.

In data 25 ottobre 2023 il Consiglio d'Ambito con  Deliberazione del Consiglio d'Ambito n. 101 del 25 ottobre 2023 ha approvato il format di Convenzione del MASE con i Soggetti Realizzatori degli interventi.

  • Bando "Riduzione delle perdite nelle reti di distribuzione dell’acqua, compresa la digitalizzazione, il monitoraggio delle reti e la riabilitazione dei tratti di rete" (M2C4-I.4.2)
    ​​​Sono stati presentati 15 progetti di cui 14 risultati ammissibili; con decreto n. 1 del 10 gennaio 2023 è stato ammesso a finanziamento per 10.687.000,00 € un progetto del gestore IRETI S.p.A.
    Il Gestore IRETI S.p.a., in qualità di Soggetto Attuatore di II livello dell'intervento M2C4-I4.2_219 Riduzione delle perdite nelle reti di distribuzione dell’acqua, compresa la digitalizzazione, il monitoraggio delle reti e la riabilitazione dei tratti di rete (codice CUP H22E22000030002), ha garantito il rispetto del target  M2C4-30 che prevedeva entro il 30 settembre 2023 l’avvenuta notifica dell'aggiudicazione degli appalti pubblici per la realizzazione dell'intervento. ATERSIR in qualità di Soggetto Attuatore di I livello e beneficiario del finanziamento ha provveduto a verificare il rispetto del target M2C4-30 tramite il monitoraggio e successivo aggiornamento delle sezioni di competenza della piattaforma unica ReGiS messa a disposizione dal MEF - Ministero dell'Economia e delle Finanze. ReGiS è la piattaforma unica attraverso cui le Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, gli Enti Locali ed i soggetti attuatori, possono compiere tutta una serie di operazioni per rispettare gli obblighi di monitoraggio, rendicontazione e controllo delle misure e dei progetti finanziati dal PNRR.

  • Bando "Investimenti in fognatura e depurazione" (M2C4-I.4.4)
    Sono state presentate 28 proposte. Con decreto ministeriale n. 262 del 9 agosto 2023 ATERSIR è stato indicato come destinatario del finanziamento per 10 progetti per un totale di 33.829.409,00 €.

 

ELENCO INTERVENTI FINANZIATI DAL PNRR AVENTI ATERSIR COME SOGGETTO DESTINATARIO/ATTUATORE

 

 

 

Finanziato dall'Unione europea - NextGenerationEU. I punti di vista e le opinioni espresse sono tuttavia solo quelli degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Unione europea, della Commissione europea, del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica. Né l'Unione europea, la Commissione europea, il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica possono essere ritenute responsabili per essi.